tacrina cloridrato

Centrale attivo, agente anticolinesterasico reversibile. 2 3 4 5 6 12

trattamento palliativo di lieve a moderata demenza di tipo Alzheimer (malattia di Alzheimer, presenile o demenza senile). 3 5 12 1 13 14 15 16 17 18 24 46 47 53

regolare con cura la dose in base alla risposta individuale e della tolleranza (ad esempio, le concentrazioni sieriche di ALT). 1

Osservare per gli effetti avversi dopo l’inizio della terapia o un aumento del dosaggio. 1 46 47 48

Il monitoraggio delle concentrazioni di ALT necessari; adeguamento del regime di trattamento può essere necessaria nei pazienti con aumenti di ALT. 1

Monitorare le concentrazioni sieriche di ALT ogni due settimane da almeno 4 settimane in settimana 16 e ogni 3 mesi successivi. 1

Se concentrazioni sieriche di ALT sono> 2 volte a ≤ 3 volte il limite superiore della norma, monitorare settimanalmente fino concentrazioni sieriche ritornano entro i limiti normali. 1

Se concentrazioni sieriche di ALT sono> 3 volte a ≤5 volte il limite superiore della norma, ridurre il dosaggio e monitorare settimanalmente fino concentrazioni sieriche ritornano entro i limiti normali. 1

Se le concentrazioni sieriche di ALT sono> 5 volte il limite superiore della norma, interrompere la terapia, almeno temporaneamente, e monitorare fino a quando le concentrazioni sieriche tornare alla normalità. 1

Durante rechallenge, monitorare le concentrazioni di ALT ogni settimana per 16 settimane, ogni mese per 2 mesi, poi ogni 3 mesi successivi. 1

Somministrare per via orale 12 13 14 1 15 16 17 25 27 28 tra i pasti (vale a dire, ≥1 un’ora prima), quando possibile. 1 53 (vedere il cibo sotto farmacocinetica.) In caso di lievi disturbi gastrointestinali, amministrare con i pasti. 1 53

La terapia deve essere iniziata con una dose bassa per le prime 4 settimane. 1 Aumentare il dosaggio in base alla risposta e la tolleranza. 1

Non tentare escalation dose durante il periodo iniziale di 4 settimane a causa di possibili insorgenza ritardata alterazioni della funzionalità epatica. 1 Diminuire tasso di dosaggio escalation se il paziente non tollera il programma di titolazione raccomandata; accelerazione della pianificazione consigliata non è consigliabile. 1

Somministrare più alto dosaggio tollerato; miglioramento cognitivo è più probabile che si verifichi a dosaggi più alti. 46 interrompere la terapia se non vi è alcun miglioramento dello stato clinico, dopo 3-6 mesi. 46

aggiustamento del dosaggio o l’interruzione temporanea può essere necessaria nei pazienti con elevazioni di siero ALT. 1

Se la terapia viene interrotta per tacrina> 4 settimane e reinitiation del farmaco non è controindicato, riprendere la terapia con la dose più bassa e titolare verso l’alto. 1

Quando la terapia viene sospesa a causa di concentrazioni sieriche di ALT elevate, riprendere il trattamento con il farmaco quando le concentrazioni di ALT sono tornati entro i limiti normali. 1

Rechallenge nei pazienti con elevazioni <10 volte il limite superiore della norma non associati a danno epatico grave. 1 Valutare attentamente i rischi contro i possibili benefici in pazienti con innalzamenti> 10 volte il limite superiore normale. 1

L’innalzamento di concentrazioni di ALT (≥ 3 volte ULN) riportati in pazienti che sono sottoposto a trattamento; tempo di insorgenza di tali aumenti può essere più rapida rispetto alla terapia iniziale. 1

Disponibile come tacrina cloridrato; dosaggio, espresse in termini di tacrina. 1

Regolare il dosaggio o interrompere la terapia nei pazienti con innalzamento del siero ALT, come richiesto. 1 53

Inizialmente, 10 mg 4 volte al giorno per almeno 4 settimane. 1 46 47 53

Se le concentrazioni sieriche di ALT ben tollerato e l’aumento non si verifica, aumentare il dosaggio a 20 mg 4 volte al giorno; 1 se tollerata, aumentare il dosaggio con incrementi quotidiane di 40 mg (suddivisi in 4 dosi giornaliere) ad intervalli di 4 settimane 1 fino ad un massimo di 160 mg al giorno (40 mg 4 volte al giorno). 1 46 47

Se le concentrazioni sieriche di ALT sono ≤ 3 volte il limite superiore normale, continuare a dosaggi abituali. 1

Se le concentrazioni sieriche di ALT sono> 3 volte a ≤5 volte il limite superiore normale, ridurre la dose di 40 mg al giorno. 1 Riprendere dosaggi usuali quando le concentrazioni di ALT sono tornati entro i limiti normali. 1

Se concentrazioni sieriche di ALT sono> 5 volte il limite superiore della norma, trattenere tacrina. 1 Considerare rechallenge quando le concentrazioni di ALT sono tornati entro i limiti normali. 1

Inizialmente, 10 mg 4 volte al giorno per almeno 6 settimane. 1 Se tollerata senza modifiche inaccettabili delle concentrazioni sieriche di ALT, riprendere raccomandato programma di dosaggio di titolazione. 1

Massimo 160 mg al giorno (40 mg 4 volte al giorno). 1 46 47

ridotta clearance è probabile; aggiustamenti di dosaggio devono essere considerati. 1 B (vedere Insufficienza epatica sotto Precauzioni.)

Ipersensibilità nota a tacrina o acridina derivati. 1

Ittero, la concentrazione di bilirubina sierica totale> 3 mg / dl, e / o segni clinici e / o sintomi di ipersensibilità (ad esempio, eruzioni cutanee, febbre) associata ad aumenti di ALT attribuite a tacrina. 1

Definitivamente interrompere la terapia nei pazienti con evidenza clinica di ittero confermata da aumenti della concentrazione di bilirubina sierica totale> 3 mg / dL e / o segni clinici e / o sintomi di ipersensibilità (ad esempio, eruzioni cutanee, febbre) associati con gli aumenti delle transaminasi; non riprendere il trattamento con il farmaco. 1

Potenziale per il rilassamento muscolare succinilcolina-tipo esagerato durante l’anestesia. 1

bradicardia possibile o altri effetti vagotonici sul cuore. a Utilizzare con cautela nei pazienti con anomalie di conduzione, bradiaritmie, o sindrome del seno malato. un

diarrea possibile, nausea e vomito a dosaggi raccomandati. 1

Il potenziale di aumento della secrezione acida gastrica. 1

monitorare attentamente i pazienti, soprattutto quelli a maggior rischio di sviluppare ulcere (ad esempio, quelli con storia di ulcera peptica, quelli sottoposti a terapia concomitante NSAIA), per i sintomi della malattia gastrointestinale attivo o occulta. 1

Aumento delle concentrazioni sieriche di ALT riportati in> 50% dei pazienti trattati con tacrina. 1 37 rischio di un aumento di ALT maggiore nelle donne rispetto agli uomini. 1 37 Le concentrazioni sieriche di ALT tornare alla normalità sospensione seguente o riduzione del dosaggio. 1 37 clinicamente evidente danno epatico si verifica raramente. 1 31 (vedere Insufficienza epatica sotto Precauzioni.)

monitoraggio frequente di ALT necessaria. 1 (Vedi monitoraggio della funzione epatica in Dosaggio e somministrazione).

ostruzione urinaria potenziale secondaria all’attività colinergica. 1

Possibile aumento del rischio di convulsioni secondarie all’attività colinergica o forse come una manifestazione della malattia di Alzheimer. 1

interruzione brusca riduzione del dosaggio o rapida (ad esempio, da ≥80 mg al giorno) possono causare improvviso peggioramento del grado di deterioramento cognitivo. 1

Usare con cautela nei pazienti con una storia di asma. 1

Possibile diminuzione ANC; tuttavia, gravi anomalie ematologiche attribuibili a tacrina non segnalati. 1

Categoria C. 1

Non è noto se tacrina è distribuito nel latte. 1

La sicurezza e l’efficacia non definito. 1 31

Possibili ridotta clearance. 1

Usare con cautela nei pazienti con evidenza o la storia di alterazioni della funzionalità epatica in corso (vale a dire, gli aumenti clinicamente importanti nei livelli sierici di ALT, AST, bilirubina, e / o γ-glutamiltransferasi [γ-glutamiltranspeptidasi, GT, GGTP]). 1 31 32 48 interrompere la terapia, almeno temporaneamente, se le concentrazioni di ALT sono> 5 volte il limite superiore normale. 1

Possibili disturbi di liquidi ed elettroliti derivanti da effetti avversi gastrointestinali. 32 Usare con cautela. 32

Livelli elevati di aminotransferasi (ALT, AST), nausea, vomito, diarrea, anoressia, dispepsia, mialgia, atassia. 1

Metabolizzato principalmente dal CYP1A2. 1 aggiustamenti di dosaggio può essere necessaria la somministrazione concomitante di farmaci che influenzano o sono metabolizzati da questo sistema. 1 53

interazione farmacocinetica potenziale con farmaci metabolizzati da CYP1A2. 1 53

interazione farmacocinetica (diminuzione delle concentrazioni tacrina). 1

Droga

Interazione

Commenti

Gli antiacidi (contenenti magnesio o alluminio)

Variazione tacrina biodisponibilità improbabile 1

agenti anticolinergici

possibili interferenze con l’attività degli agenti anticolinergici 1

agonisti colinergici

effetto sinergico 1

inibitori della colinesterasi

effetto sinergico 1

cimetidina

Le concentrazioni tacrina L’aumento e AUC 1

Diazepam

interazione farmacocinetica improbabile 1

digossina

interazione farmacocinetica improbabile 1

fluvoxamina

Le concentrazioni tacrina L’aumento e l’AUC un

Bloccanti neuromuscolari (ad esempio, succinilcolina)

rilassamento muscolare esagerata 1

La teofillina

Aumento eliminazione teofillina emivita e teofillina concentrazioni 1

Monitorare le concentrazioni plasmatiche e aggiustare il dosaggio della teofillina come richiesto 1

warfarin

Effetto sulla attività anticoagulante improbabile 1

Rapidamente assorbito dopo somministrazione orale; subisce dose-dipendente, metabolismo di primo passaggio. 1 La biodisponibilità assoluta è di circa il 17%. 1

Le concentrazioni plasmatiche di picco sono raggiunti in 1-2 ore. 1 Le concentrazioni plasmatiche sono circa il 50% maggiore nelle donne rispetto agli uomini. 1

Il cibo riduce la biodisponibilità di circa il 30-40%. 1

Non valutato. 1

Non è noto se tacrina è distribuito nel latte. 1

Circa il 55%. 1

Ampiamente metabolizzata, principalmente attraverso il CYP1A2 a più metaboliti. 1

Non è noto se tacrina subisce l’escrezione biliare o la circolazione enteroepatica. 1

2-4 ore. 1

La farmacocinetica non valutato nei pazienti con insufficienza epatica fino ad oggi; tuttavia, la clearance può essere ridotta. 1 Liquidazione non alterato in pazienti con insufficienza renale. 1

15-30 ° C. Proteggere dall’umidità. 1

meccanismo preciso (s) di azione in pazienti con demenza di tipo Alzheimer non completamente chiariti. 1 si lega reversibilmente con e rende inattivi colinesterasi (ad esempio, dell’acetilcolinesterasi), inibendo così l’idrolisi di acetilcolina 1 4 5 6 7 13 e con conseguente aumento delle concentrazioni di acetilcolina a sinapsi colinergica. 1 4 5 6 7

Rischio di effetti avversi (ad esempio, nausea, vomito, feci molli, diarrea). 1 L’importanza dei caregiver di monitoraggio degli effetti avversi e informare i medici se si verificano. 1

Importanza dei medici informare gli operatori sanitari che i potenziali effetti benefici della terapia dipende somministrazione del farmaco a intervalli regolari. 1

Necessità di un monitoraggio di laboratorio periodica (cioè, test di funzionalità epatica). 1

Importanza dei medici informare gli operatori sanitari che brusca interruzione o grande diminuzione della dose giornaliera totale può causare un improvviso peggioramento del grado di deterioramento cognitivo. 1

Importanza di informare i medici di eventuali nuovi eventi o di qualsiasi aumento della gravità di eventi clinici avversi esistenti. 1

Importanza di informare i medici di terapia esistente o prevista in concomitanza, tra cui prescrizione e farmaci da banco, nonché eventuali malattie concomitanti. 1

L’importanza delle donne informando i medici se sono o sta pianificando una gravidanza o intenzione di allattare. 1

Importanza di informare i pazienti di altre importanti informazioni di precauzione. 1 (Vedi Avvertenze).

Eccipienti in preparati farmaci disponibili in commercio possono avere effetti clinicamente importanti in alcuni individui; consultare l’etichettatura dei prodotti specifici per i dettagli.

Itinerari

Forme di dosaggio

Punti di forza

Marchi

fabbricante

Orale

Capsule

10 mg (di tacrina)

Cognex

First Horizon

20 mg (di tacrina)

Cognex

First Horizon

30 mg (di tacrina)

Cognex

First Horizon

40 mg (di tacrina)

Cognex

First Horizon

Questo informazioni sui prezzi è soggetto a modifiche a sola discrezione del DS Farmacia. Questa informazione sui prezzi è stato aggiornato 02/2014. i costi effettivi per i pazienti variano a seconda l’uso di punti vendita o per corrispondenza specifici e copays di assicurazione sanitaria.

Cognex 10MG Capsule (Shionogi Pharma): 120 / 315,99 $ o 360 / $ 893,99

Cognex 20MG Capsule (Shionogi Pharma): 120 / 315,99 $ o 360 / $ 879,92

AHFS DI Essentials. , Revisioni luglio 1, 2006 selezionati.

1. Parke-Davis. Cognex (tacrina cloridrato) capsule prescrizione di informazioni. Morris Plains, NJ; 1997 Ottobre

2. Parke-Davis. Brochure Cognex trattamento IND del ricercatore. Morris Plains, NJ; 1992.

3. Cooper JK. Il trattamento farmacologico della malattia di Alzheimer. Arch Intern Med. 1991; 151: 245-9. [IDIS 277908] [PubMed 1.992.951]

4. Kumar V, Becker RE. Farmacologia clinica di tetrahydroaminoacridine: un possibile agente terapeutico per la malattia di Alzheimer. Int J Clin Pharmacol Ther Toxicol. 1989; 27: 478-85. [PubMed 2684868]

5. Volger BW. Alternative nel trattamento della perdita di memoria in pazienti con malattia di Alzheimer. Clin Pharm. 1991; 10: 447-56. [IDIS 281504] [PubMed 2.065.522]

6. Freeman SE, Dawson RM. Tacrine: una revisione farmacologico. Prog Neurobiol. 1991; 36: 257-77. [PubMed 1714613]

7. Drukarch B, Kit KS, Van der Meer EG et al. 9-Amino-1,2,3,4-tetraidroacridina (THA), un presunto farmaco per il trattamento del morbo di Alzheimer, inibisce l’attività acetilcolinesterasi e lento K + partenze corrente. Eur J Pharmacol. 1987; 141: 153-7. [PubMed 2444444]

8. Rogawski MA. blocchi Tetrahydroaminoacridine voltaggio-dipendenti canali ionici nei neuroni dell’ippocampo. Eur J Pharmacol. 1987; 142: 169-72. [PubMed 2446884]

9. Freeman SE, Legge WM, Szilagyi M. Il blocco di un K + cardiaca canale tacrina: interazione con i recettori muscarinici e adenosina. Eur J Pharmacol. 1988; 154: 59-65. [PubMed 3181293]

10. Mozar HN, Bal DG, Howard JT. Prospettive sulla eziologia della malattia di Alzheimer. JAMA. 1987; 257: 1503-7. [PubMed 2950247]

11. Parke-Davis, Morris Plains, NJ: Comunicazione personale.

12. Parke-Davis. trattamento Cognex IND protocollo 970-58. Morris Plains, NJ; 1992.

13. Farlow M, Gracon SI, Hershey LA et al. Uno studio controllato di tacrina nella malattia di Alzheimer. JAMA. 1992; 268: 2523-9. [IDIS 304558] [PubMed 1.404.819]

14. Davis KL, Thal LJ, Gamzu ER et al. Un doppio-cieco, controllato con placebo studio multicentrico di tacrina per la malattia di Alzheimer. Nuovo Engl J Med. 1992; 327: 1253-9. [IDIS 303.816] [PubMed 1.406.817]

15. periferico e centrale nervoso Drugs Advisory System Committee Meeting, il 7 luglio 1989. Rockville, MD: Dipartimento di Salute e Servizi Umani, Public Health Service, Food and Drug Administration; 1989: 227.

16. Eagger SA, Levy R, Sahakian BJ. Tacrine nella malattia di Alzheimer. Lancetta. 1991; 337: 989-92. [IDIS 280.218] [PubMed 1.673.209]

17. Anon. Tacrine per la malattia di Alzheimer. Med Lett Drugs Ther. 1993; 35: 87-8. [PubMed 8361451]

18. Piccolo GW. Tacrine nel trattamento del morbo di Alzheimer. JAMA. 1992; 268: 2564-5. [IDIS 304.559] [PubMed 1.404.825]

19. Dom R. Tacrine nella malattia di Alzheimer. JAMA. 1993; 269: 2848-9. [IDIS 315.101] [PubMed 8.497.088]

20. Cutler NR, Sramek JJ. Tacrine nella malattia di Alzheimer. Nuovo Engl J Med. 1993; 328: 808. [IDIS 310.606] [PubMed 8.437.603]

21. Growdon JH. Il trattamento per la malattia di Alzheimer? Nuovo Engl J Med. 1992; 327: 1306-8. Editoriale.

22. Pirozzolo FJ, Baskin DS, Swihart AA et al. tetrahydroaminoacridine orale nel trattamento della demenza senile, tipo di Alzheimer. Nuovo Engl J Med. 1987; 316: 1603. [IDIS 230.804] [PubMed 3.587.295]

23. Lachs M. Tacrine nella malattia di Alzheimer. Nuovo Engl J Med. 1993; 328: 810. [IDIS 310609] [PubMed 8.437.607]

24. Food and Drug Administration Divisione di neurofarmacologica Drug Products. Tacrine come trattamento per la demenza di Alzheimer: una relazione intermedia da parte della FDA. N Engl J Med. 1991; 324: 349-52. [IDIS 277.140] [PubMed 1.986.300]

25. Summers WK, Majovski LV, Marsh GM et al. tetrahydroaminoacridine orale nel trattamento a lungo termine della demenza senile, Alzheimer. N Engl J Med. 1986; 315: 1241-5. [IDIS 222579] [PubMed 2.430.180]

26. Relman AS. Tacrine come trattamento per la demenza di Alzheimer: ndr. N Engl J Med. 1991; 324: 349. [IDIS 277.140] [PubMed 1.986.300]

27. Gauthier S, R Bouchard, Lamontagne A et al. Tetrahydroaminoacridine-lecitina di trattamento di combinazione nei pazienti con malattia intermedia stadi di Alzheimer: risultati di uno studio multicentrico in doppio cieco, cross-over canadese. N Engl J Med. 1990; 322: 1272-6. [IDIS 265.329] [PubMed 2.183.056]

28. Chatellier G, Lacombez L, e Groupe Francais d’Etude de la Tetrahydroaminoacridine. Tacrina (tetrahydroaminoacridine; THA) e lecitina nella demenza senile di tipo Alzheimer: uno studio multicentrico. Br Med J. 1990; 300: 495-9.

29. Ulus IH, Wurtman RJ. Prevenzione dalla colina della deplezione di fosfatidilcolina della membrana da un inibitore della colinesterasi. N Engl J Med. 1988; 318: 191. [PubMed 3336410]

30. Gauthier S. Tetrahydroaminoacridine e lecitina per la malattia di Alzheimer. N Engl J Med. 1990; 323: 920. [IDIS 272.229] [PubMed 1.697.647]

31. Parke-Davis, Morris Plains, NJ: Comunicazione personale.

Commenti 32. revisori (osservazioni personali).

33. Osterrieder W. 9-ammino-1,2,3,4-tetraidroacridina (THA) è un inibitore potente di canali del potassio cardiaci. Br J Pharmacol. 1987; 92: 521-5. [PubMed 2447986]

34. Schauf CL, i canali del potassio blocchi Im A. Tetrahydroaminoacridine e inibisce l’inattivazione di sodio in Myxicola. Soc Neurosci astratta. 1987; 13: 566.

35. Drukarch B, Kit KS, Vander Meer EG et al. 9-Amino-1,2,3,4-tetraidroacridina (THA), un presunto farmaco per il trattamento del morbo di Alzheimer, inibisce l’attività acetilcolinesterasi e rallenta K + partenze corrente. Eur J Pharmacol. 1987; 141: 153-7. [PubMed 2444444]

36. Knapp MJ, Knopman DS, Soloman PR et al. A 30 settimane, randomizzato e controllato di tacrina alte dosi nei pazienti con malattia di Alzheimer. JAMA. 1994; 217: 985-91.

37. Watkins PB, Zimmerman HJ, Knapp MJ et al. effetti epatotossici di amministrazione tacrina nei pazienti con malattia di Alzheimer. JAMA. 1994; 217: 992-8.

38. Winker MA. Tacrine per la malattia di Alzheimer: quale paziente, quale dose? JAMA. 1994; 271: 1023-4. Editoriale.

39. Byrne EJ, Arie T. Tetrahydroaminoacridine e il morbo di Alzheimer: per pochi, ma non sappiamo che pochi. BMJ. 1994; 308: 868-9. [IDIS 327976] [PubMed 8.173.360]

40. Maltby N, Broe GA, Creasey H et al. Efficacia di tacrina in lieve a moderata della malattia di Alzheimer: in doppio cieco. BMJ. 1994; 308: 879-83. [IDIS 327979] [PubMed 8.173.365]

41. Pendlebury WW, Soloman PR. Tacrine è sicuro ed efficace. BMJ. 1994; 308: 1506.

42. Levy R. eterogeneità paziente spiega risposta varia. BMJ. 1994; 308: 1506. [PubMed 8019288]

43. Roberts C, Ford J, Mäkelä P et al. Le concentrazioni sieriche tacrina troppo bassa. BMJ. 1994; 308: 1506.

44. Wilcock GK. conclusioni negative non giustificate. BMJ. 1994; 308: 1507. [PubMed 8019291]

45. Broe GA, Creasey H, Maltby N et al. la risposta dell’autore. BMJ. 1994; 308: 1507.

46. ​​American Psychiatric Association. linee guida per il trattamento dei pazienti con malattia di Alzheimer e le altre demenze della vita in ritardo. Am J Psychiatry. 1997; 154 (Suppl): 1-39.

47. Piccolo GW, Rabins PV, Barry PP et al. Diagnosi e trattamento della malattia di Alzheimer e disturbi correlati: dichiarazione di consenso della American Association for Geriatric Psychiatry, Associazione Alzheimer, e l’American Geriatrics Society. JAMA. 1997; 278: 1363-1371. [IDIS 393.115] [PubMed 9.343.469]

48. Watkins PB, Zimmerman HJ, Knapp MJ et al. effetti epatotossici di amministrazione tacrina nei pazienti con malattia di Alzheimer. JAMA. 1994; 271: 992-8. [IDIS 327345] [PubMed 8.139.084]

49. Mos RC. Donepezil: un punto di vista. Drugs Aging. 1997; 10: 240.

50. Whitehouse PJ. Donepezil: un punto di vista. Drugs Aging. 1997; 10: 240-1.

51. Solomon PR, Knapp MJ, Gracon SI et al. trattamento tacrina a lungo termine nei pazienti con malattia di Alzheimer. Lancetta. 1996; 348: 275-6. [IDIS 370.167] [PubMed 8.684.234]

52. Knopman D, Schneider L, Davis K et al. tacrina (Cognex) il trattamento a lungo termine: effetti sul posizionamento casa di cura e di mortalità. Neurologia. 1996; 47: 166-77. [IDIS 370441] [PubMed 8.710.072]

53. Samuels SC, Davis KL. Una valutazione del rischio-beneficio di tacrina nel trattamento della malattia di Alzheimer. Saf Drug. 1997; 16: 66-77. [PubMed 9010644]

54. Rs Doody, Stevens JC, Beck C et al. parametro pratica: la gestione di demenza (una revisione evidence-based). Relazione degli standard di qualità sottocommissione della American Academy of Neurology. Neurologia. 2001; 56: 1154-1166. [IDIS 463.599] [PubMed 11.342.679]

un. First Horizon. Cognex (tacrina cloridrato) capsule prescrizione di informazioni. Roswell, GA; 2002 Gennaio

b. AHFS informazione sulla droga 2006. McEvoy GK, ed. Tacrina. Bethesda, MD: American Society of sistema sanitario farmacisti; 2006: 1251-4